In SITECO l’innovazione si fa più efficiente e sostenibile grazie allo sgrassaggio a bassa temperatura di Henkel

La tecnologia a LED all'avanguardia rende i sistemi di illuminazione sempre più efficienti e sostenibili spingendo i produttori leader di mercato come SITECO a migliorare costantemente il rapporto qualità/prezzo e l'economicità degli apparecchi. Le innovazioni nella pulizia a bassa temperatura di Henkel hanno permesso all'azienda di risparmiare circa un terzo dell'energia utilizzata nei processi di rivestimento.

Nello splendido scenario di Traunreut nell’Alta Baviera, a 10 km dal lago di Chiemsee, c’è un'azienda che “fa luce” da 40 anni. SITECO, acquisita dal Gruppo OSRAM nel 2011, gestisce qui il centro di competenza per le soluzioni di illuminazione OSRAM.

In uno stabilimento di 26.000 m², vengono pretrattati e verniciati nuovi apparecchi, vengono preassemblati  i moduli LED e vengono realizzati interi sistemi di illuminazione su specifica, pronti per la vendita, partendo da pezzi e moduli singoli. Thomas Klement, responsabile della tecnologia di rivestimento ci conduce in un tour del moderno impianto di verniciatura, dove lampioni stradali e proiettori da stadio vengono trattati per resistere alle intemperie. Il processo di preparazione prevede la pulizia, il trattamento di conversione e il rivestimento a polvere.

Grandi elementi sospesi, lunghi oltre 3 metri e alti 1,8 metri trasportano i componenti tra le varie fasi del processo di rivestimento in uso dal 2010 per il pretrattamento e la verniciatura a polvere.

Il processo prevede sei fasi:

  1. Sgrassaggio con pulizia a spruzzo
  2. Risciacquo con acqua pulita
  3. Risciacquo con acqua pulita
  4. Risciacquo con acqua completamente desalinizzata
  5. Trattamento di conversione
  6. Risciacquo con acqua completamente desalinizzata

 

L’impianto funziona 24 ore su 24 per cinque giorni alla settimana. Hans-Joachim Herbst, responsabile dell’impianto ha spiegato: “Ogni anno, il processo tratta fino a 250.000 m2 di acciaio, alluminio, lamiera e altri metalli e vediamo praticamente di tutto. La scelta del materiale dipende dallo scopo di utilizzo del prodotto. Per noi è importante che l’impianto e i relativi componenti del sistema ci consentano di trattare più metalli, sia ora che in futuro”.


Trovare la giusta chimica per aumentare l'efficienza

Questo aspetto si è rivelato cruciale nella recente transizione pionieristica dell’impianto. In collaborazione BCD Chemie GmbH, proprio distributore e partner di vendita Henkel, l'azienda era alla ricerca di un modo per risparmiare sul processo di produzione. “L’impianto è responsabile per circa il 23% dei consumi totali di gas annuali”, ha proseguito Herbst. E il principale consumatore di gas è facilmente individuabile. Nella prima fase del processo nell’impianto a sei zone, lo sgrassaggio viene eseguito tramite pretrattamento a spruzzo, operazione necessaria per rimuovere residui e depositi sulla superficie del materiale e sgrassare le parti. Se si salta questo processo o non lo si esegue con cura, possono insorgere difetti nelle fasi di lavorazione successive che riducono la qualità degli apparecchi finali. Il problema energetico risiede nel fatto che finora il fluido di pulizia doveva essere riscaldato a ca. 60° C con un bruciatore a gas e occorreva azionare pompe di ricircolo e ventole. Inoltre, la maggior parte dell'energia usata per la pulizia a spruzzo si perdeva con l'evaporazione e l’aspirazione.

Il Dott. Marko Poleschak, responsabile vendite di BCD Chemie per quest'area, aveva già sentito parlare della pulizia a bassa temperatura di BONDERITE di Henkel quando si stavano avviando le consultazioni. “Ci fu subito chiaro che l’unico parametro modificabile era il processo di pulizia, ovvero la chimica. Lavoriamo da molti anni con Henkel a soluzioni personalizzate e siamo riusciti a capitalizzare la nostra leadership tecnologica e la collaborazione di fiducia con lo staff tecnico di Düsseldorf. Nella fase di progettazione è stato naturalmente indispensabile mantenere il processo esistente senza causare ulteriori costi di conversione”. In sintesi, l’obiettivo era ridurre la temperatura per risparmiare energia nell’impianto senza modificare la meccanica e il tempo di trattamento per conservare - se non migliorare - la qualità della pulizia e creare capacità aggiuntive per l'attività di rivestimento in conto terzi in futuro.

Questi requisiti si sposavano perfettamente con i parametri di prestazione del nuovo sistema di pulizia a bassa temperatura BONDERITE.

Il cleaner alcalino bicomponente si può infatti usare a temperatura ambiente senza dover essere riscaldato a 60° C. Grazie a una speciale combinazione di sequestranti di durezza e tensioattivi, questo nuovo ed efficiente sistema di pulizia a bassa temperatura si può utilizzare per sostituire la maggior parte dei sistemi di pulizia a spruzzo sul mercato e non presenta effetti avversi come la formazione di schiuma, macchiature delle superfici e difetti dovuti all'asciugatura. Andreas Maslowski, addetto ai rivestimenti funzionali presso il servizio tecnico di Henkel  ha confermato: “Con i parametri del bagno predefiniti raccomandati da noi e BCD Chemie, le parti presentano una superficie idrofila al 100%: la base ideale per le successive fasi di processo”.

La temperatura più bassa del fluido, grazie alla quale il bruciatore a gas nell’impianto a sei zone può rimanere spento per la maggior parte dell'anno, consente a SITECO di ridurre i consumi energetici annui del 30%. Solo in alcune giornate d’inverno molto fredde potrebbe essere necessario riscaldarlo a temperatura ambiente.

Un altro vantaggio consiste nel fatto che le parti sono fredde dopo la pulizia, quindi non influenzano i processi successivi come il rivestimento di conversione. Dopo tutto, tutte le altre fasi del processo si possono svolgere a temperatura ambiente. In altre parole, l’impianto ora può funzionare allo stesso basso livello di temperatura in tutto il processo, fino all’essiccatore degli adesivi a base acqua. La pulizia a bassa temperatura riduce inoltre l'abituale perdita di evaporazione nel bagno di sgrassaggio.

I vantaggi dell'affidabilità e della tutela ambientale

“Il potenziale di risparmio ottenibile senza incidere sulle prestazioni dell’impianto è alquanto impressionante”, ha commentato con entusiasmo Herbst. “Ma non è l’unico motivo a rendere la transizione redditizia per noi. Il mancato funzionamento del bruciatore rende l’impianto utilizzabile più in fretta. Anche il rumore e il calore si riducono notevolmente in tutto l’impianto, creando un ambiente di lavoro molto più sicuro e gradevole per gli operatori. La maggiore affidabilità del processo aumenta inoltre le capacità per il rivestimento in conto terzi”.

Il nuovo sistema di sgrassaggio a bassa temperatura contribuisce infine alla tutela dell'ambiente. Il minore consumo di energia, l’eliminazione del vapore acqueo e il mancato ricorso ad additivi chimici come l'acido fosforico per la ricarica del bagno sono tutti fattori cruciali per una produzione più sostenibile.

Ridurre la temperatura per velocizzare il trattamento

Il passaggio ha riguardato inoltre l'adozione di un nuovo prodotto BONDERITE nella fase cinque del processo di conversione. BONDERITE M-NT, il liquido senza fosfati per la conversione dei metalli, aumenta la resistenza alla corrosione delle parti e assicura la massima adesione delle vernici. La tecnologia BONDERITE M-NT è compatibile con tutti i normali tempi di rivestimento e processi di applicazione e abbina i rivestimenti multi-metallo a temperatura ambiente con tempi di trattamento velocissimi.

Superare le aspettative con risultati di prima categoria

Il passaggio ai nuovi prodotti BONDERITE per la pulizia a bassa temperatura non solo rende i processi SITECO più economici, ma assicura anche una qualità perfetta come dimostrano i test in nebbia salina su una vasta gamma di materiali. Dopo 240 ore di prove, le parti sono state testate sul piano dell’adesione e della resistenza alla corrosione. “Abbiamo rilevato l'assenza quasi totale di infiltrazioni” è stato il commento del Responsabile della tecnologia di rivestimento Klement. “I risultati soddisfano appieno gli standard e sono buoni come prima, se non migliori. Hanno superato le nostre aspettative!”.

Oltre alla tecnologia assolutamente all'avanguardia dei prodotti, questi risultati positivi sono una conquista reale per il rapporto di collaborazione tra Henkel, BCD Chemie e SITECO. “Un cambiamento di questo tipo alimenta il coraggio e la fiducia dei colleghi nelle proprie possibilità”, ha affermato Maslowski, esprimendo la sua felicità per questo progetto pionieristico. Ed Herbst ha aggiunto: “Abbiamo riposto la nostra fiducia in Henkel e quindi nell’innovazione e non siamo rimasti delusi. Ci riteniamo orgogliosi di essere i primi sul mercato a far funzionare l’impianto a bassa temperatura. Vogliamo continuare a crescere in questo settore e siamo aperti a confrontarci con altri produttori. Potremmo anche considerare l’ipotesi di eseguire trattamenti per aziende esterne al Gruppo OSRAM”.

Confermare la pulizia con prove di laboratorio precise

Le prestazioni della pulizia a bassa temperatura si possono quantificare determinando il contenuto residuo di carbonio sulla superficie delle parti pulite. In un test di laboratorio, il residuo di carbonio deve essere inferiore a 20mg/m2 per ottenere una superficie bagnabile con acqua. La prova della goccia d'acqua è un metodo semplice per dimostrare le prestazioni di sgrassaggio del cleaner. Se la pellicola di acqua sulla superficie dell’oggetto della prova si apre, c’è dell’olio residuo sulla superficie. Se la pellicola d'acqua bagna tutta la superficie, l’oggetto della prova è stato completamente sgrassato il che scongiura possibili difetti del rivestimento.

SITECO e OSRAM

SITECO, azienda con sede a Traunreut, in Baviera, è una consociata del Gruppo OSRAM dal 2011 e fa parte della divisione Lighting Solutions. OSRAM Lighting Solutions offre soluzioni di illuminazione professionali complete in tutto il mondo a marchio OSRAM, SITECO e Traxon Technologies. Oltre agli apparecchi di illuminazione per uffici, industria, edifici pubblici, negozi, strade e impianti sportivi, la gamma comprende sistemi e servizi intelligenti di gestione dell’illuminazione connessi alla pianificazione e all’implementazione dei progetti. Tra i servizi rientrano audit energetici, consulenza, pianificazione, installazione e programmazione, oltre a servizi finanziari e di manutenzione. La passione per il lavoro, unita a decenni di esperienza e profonde competenze nel settore dell’illuminazione, permette all’azienda di creare soluzioni innovative e all'avanguardia per un futuro energetico sostenibile ed efficiente. OSRAM, con sede a Monaco, è tra le due principali aziende illuminotecniche al mondo. Con uno staff di circa 34.000 dipendenti a livello globale ha registrato un fatturato di oltre 5,1 miliardi di € nell’esercizio fiscale 2014 (al 30 settembre).

BCD Chemie GmbH

BCD Chemie GmbH opera da oltre 30 anni nel settore del trattamento delle superfici con grande impegno e una vasta competenza di prodotto. Tra i principali fornitori di sostanze chimiche per la pulizia e il trattamento industriali delle superfici, BCD Chemie offre concetti di prodotto completi. Per maggiori informazioni, consultare il sito www.bcd-chemie.de

Pulizia e sgrassaggio

Da BONDERITE detergenti industriali e per manutenzione efficaci che aumentano salute e sicurezza.

Continua

Equipment

Una gamma completa di apparecchiature applicative e di sistemi per il controllo digitale dei processi.

Continua

Servizi di laboratorio

Assistenza costante dalla progettazione alla produzione, analisi all’avanguardia e procedure di controllo standard. 

Continua

Contattaci

Ti interessano i nostri prodotti e servizi? Contatta i nostri esperti!

Contattaci!